Vita da imprenditore. Il coraggio

54jpg

Vita da imprenditore. Il coraggio

La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose; il coraggio per cambiarle. (Sant’Agostino d’Ippona)

Quando hai deciso di lanciarti nel mondo dell’imprenditoria qualcuno ti avrà sicuramente detto: “Che coraggio!“. Sottinteso: preferisco starmene lì, nella tranquillità del mio posto fisso. Senza alcun rischio (che poi, è davvero così?).

E allora vediamo insieme: in cosa consiste questo famigerato “coraggio dell’imprenditore”? In che modo aiuta l’imprenditore a distinguersi dal resto dei lavoratori, e come alimentarlo?

Il coraggio dell’imprenditore

Il coraggio dell’imprenditore ha una doppia sfaccettatura:

  • Il coraggio NON è la mancanza di paura, ma la coscienza di poterla superare;
  • Il coraggio è la profonda conoscenza dei nostri limiti.

Nessun supereroe, nessuna miracolosa manna dal cielo: il successo va conquistato. E per fare questo è fondamentale avere coraggio. Radicare in sé stessi un’autostima che ci porti a superare ogni paura e allo stesso tempo essere consapevoli dei nostri limiti per andare oltre, dominandoli in modo da crescere sempre di più.

Il coraggio, la base del successo

Abbiamo visto dunque che il coraggio è alla base di ogni successo imprenditoriale. Tuttavia avere coraggio non è così immediato: qualcuno ce l’ha insito nella sua persona, qualcun altro lo deve sviluppare. Con il tempo, con l’esperienza e con un gran lavoro su sé stesso. A volte dovrai rimetterti in discussione, a volte dovrai operare contro la tua natura: ma quando si tratta di seguire il “fiuto del business”, non c’è testa quadrata che tenga.

Va da sé allora che il coraggio ben si sposa con l’intuito e la visione imprenditoriale. Perché solo chi vede oltre, chi sa che un’azione apparentemente rischiosa in realtà gli porterà grandi benefici, chi sa che per raggiungere il suo obiettivo deve cambiare e crescere può usare la molla del coraggio a suo vantaggio. E correre indisturbato verso il traguardo della vittoria.

Ricordandosi anche che non è mai troppo tardi. Anche se hai speso forze inutili per anni, hai faticato a trovare la strada giusta e ora sei a un bivio, ecco che è il momento giusto per prendere coscienza di quanto fatto in passato e raddrizzare il tiro. E non alimentare ulteriori inutili rimpianti o rimorsi.

Per tutti c’è posto sul podio. Anche per te.

Ecco perché abbiamo deciso di lottare per arrivare in alto!

(Si ringrazia per gli spunti il libro “Existenz – Edizione Speciale Payexe”, a opera di Pietro Vanessi e Evandro Della Serra).

/ Aziende

Condividi il Post

Chi è l'Autore

Commenti

Nessun commento ancora.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

  • Nessun prodotto nel carrello.