Come capire se un venditore di marketing ti vuole fregare

Per chi sente di aver bisogno di un consulente per migliorare le proprie performance, il dubbio sorge spontaneo: sarà una persona onesta? Farà il mio interesse? Oppure penserà solo al suo guadagno? Ecco alcuni stratagemmi per ridurre il rischio

venditore-di-marketing-onestà

Come capire se un venditore di marketing ti vuole fregare

Il mondo è pieno di professionisti della vendita. Una volta si chiamavano “commerciali”o “venditori”. Oggi il termine più in voga è “consulenti”: consulente di marketing, consulente immobiliare, consulenti di bellezza…

Per chi sente di aver bisogno di un consulente per migliorare le proprie performance, il dubbio sorge spontaneo: sarà una persona onesta? Farà il mio interesse? Oppure penserà solo al suo guadagno?

Quando si creano le condizioni per lavorare insieme, quando si instaura un clima di viva collaborazione e di reciproco aiuto, i risultati non possono che essere entusiasmanti. Questa è la forza e la filosofia che dà vita a tutto il progetto Payexe. Tuttavia sappiamo benissimo che rispondere a queste domande non è sempre facile: il pericolo di fregature è dietro l’angolo. Inoltre c’è chi troppo spesso approfitta della buona fede delle persone. Esistono però degli stratagemmi che possono abbassare il livello di rischio.

1) Valutare l’onestà del venditore di marketing: chiedi referenze

La prima soluzione è quella di chiedere referenze. Oggi si parla molto di “referral marketing“, ovvero il marketing per segnalazioni dalla doppia dinamica:

  • Io, cliente, mi sono trovato bene con questo professionista / imprenditore e lo consiglio a te, mio amico / collega / socio;
  • Io, professionista o imprenditore, avvio un circuito di referenze / referral marketing insieme ad altri professionisti e imprenditori, segnalandoci l’un l’altro così da raggiungere nuovi potenziali clienti.

Chiedere consigli su un venditore di marketing che faccia al caso tuo può dunque essere una necessità contingente, dettata dal bisogno del momento. Il passaggio successivo potrebbe essere quello di crearsi una vera e propria rete di referral marketing, che porti vantaggi a te e a tutti coloro che aderiscono. Un grande vortice di segnalazioni basato sulla reale efficienza e capacità dei soggetti coinvolti.

2) Seguire le sue attività sui social

Tantissime persone fanno “scouting” attraverso i social network. Trovano un professionista interessante per il loro bisogno, osservano come si propone, come si relaziona con le persone, cercano di capire quali problemi potrebbe risolvere.

Consideriamo questo il primo step per fare scrematura. Attenzione però a non lasciarsi troppo abbindolare: sempre meglio toccare con mano. Come? Ad esempio contattando direttamente il venditore, partecipando a un incontro da lui organizzato, cercando recensioni e feedback in rete.

3) Partecipare a un circuito di relazioni

Torniamo al primo punto, ma da un’ottica diversa. Partecipare a un circuito di relazioni organizzato e con precise regole etiche ti permette di entrare in relazione con professionisti e imprenditori sempre diversi, ognuno con le sue problematiche e necessità. Parliamo di necessità molto spesso condivise dagli altri aderenti alla community. Con il valore aggiunto di una supervisione, di qualcuno che controlla che tutto si svolga secondo i principi di onestà e di autentica relazione.

In un circuito di questo tipo trovi persone che desiderano crescere e migliorare, proprio come te. E che magari già prima di te sono riuscite a risolvere una criticità che tu riscontro adesso, nel momento presente. Ed ecco che dal confronto nasce la soluzione: io sono brillantemente riuscito a risolvere in questo modo e grazie a questa persona. Perché non ci provi anche tu?

Payexe. La forza della community.

/ Aziende

Condividi il Post

Chi è l'Autore

Commenti

Nessun commento ancora.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

  • Nessun prodotto nel carrello.